La pace non si compra né si vende: è un dono di Dio. E lo dobbiamo chiedere.
I discepoli di Emmaus (Lc 24, 35-48) «che sono stati testimoni della guarigione dello storpio e adesso vedono Gesù sono un po’ fuori di sé, ma non per una malattia mentale: fuori di sé per lo stupore».
Ma cos’è questo stupore? «È qualcosa che fa sì che siamo un po’ fuori di noi, per la gioia: questo è grande, è molto grande. Non è un mero entusiasmo: anche i tifosi nello stadio sono entusiasti quando vince la loro squadra, no? No, non è un entusiasmo, è una cosa più profonda: è lo stupore che viene quando ci incontriamo con Gesù».
Questo stupore è l’inizio «dello stato abituale del cristiano». Certamente non possiamo vivere sempre nello stupore, ma questa condizione è l’inizio che permette di lasciare «l’impronta nell’anima, e la consolazione spirituale». Infatti, lo stato del cristiano deve essere la consolazione spirituale, nonostante i problemi, i dolori, le malattie. «L’ultimo scalino della consolazione è la pace: si incomincia con lo stupore, e il tono minore di questo stupore, di questa consolazione è la pace».
Il cristiano, pur nelle prove più dolorose, non perde mai «la pace e la presenza di Gesù» e con «un po’ di coraggio, possiamo dirlo al Signore: “Signore, dammi questa grazia che è l’impronta dell’incontro con te: la consolazione spirituale”». E, soprattutto «mai perdere la pace». Guardiamo al Signore, il quale «ha sofferto tanto, sulla Croce, ma non ha perso la pace. La pace, questa, non è nostra: non si vende né si compra». È un dono di Dio che dobbiamo chiedere. La pace è come «l’ultimo scalino di questa consolazione spirituale, che incomincia con lo stupore di gioia».
Per questo, non dobbiamo farci «ingannare dalle nostre o da tante altre fantasie, che ci portano a credere che queste fantasie siano la realtà». Infatti, è più cristiano «credere che la realtà non possa essere tanto bella».

I testi che pubblichiamo sono una sintesi degli articoli de L’Osservatore Romano (ed. quotidiana) sulle omelie feriali pronunciate da Papa Francesco nelle messe celebrate nella cappella della Domus Sanctae Marthae.

© Copyright – Libreria Editrice Vaticana